Ricerca per Codice


Nessun articolo nel carrello

Categoria Ricambi

 Alberi di trasmissione
 Assali
 Biellismo
 Bulloneria per bielliismo
 Camere fumo e piattaforme
 Carrelli molleggiati
 Carrelli motori e folli
 Carrelli vaporiere
 Coperchi per trasmissioni
 Cuore per scambi
 Decalcomanie
 Dispositivi di contatto elettrico
 Fiancate carrelli
 Ganci semplici e automatici
 Gruppo cilindri
 Ingranaggi
 Lubrificanti
 Materiale elettrico
 Molle
 Parti di motore
 Particolari aggiuntivi
 Respingenti a molla e fissi
 Soffietti in lattice
 Struttura carrelli
 Telai portanti
 Viti e dadi
 Zavorre


 

Restauro di livrea e meccanica su locomotiva Aln 772 - 1952

Questa motrice presentava una importante rottura (sfondamento con mancanza di diversi frammenti) nella parte frontale. E’ stato necessario smontare completamente il modello e sverniciarlo accuratamente.
Si é quindi proceduto a ripristinare la parte mancante mediante apposito stampo siliconico seguito da stampata in fibra di vetro con stucco addizionale per fini dettagli. In foto la scocca in fase di carteggiatura su uno stampo già di buon livello qualitativo da rifinire. In questa fase si lavora facendo uso di forti ingrandimenti, si carteggia in maniera meticolosa ogni imperfezione ed irregolarità. 

 

 

Nella fase successiva si é data una prima mano di vernice con pre-montaggio dei gruppi ottici e prima prova di inserimento dei respingenti, verificando la regolarità dei nuovi supporti forati. La prima mano é importante per vedere eventuali difetti e procedere di conseguenza con una lieve carteggiatura prima della verniciatura conclusiva.

 

 

Nelle foto seguenti il modello riverniciato definitivamente con le tinte tipiche dell’epoca, meticolosamente studiate e riprodotte, infine il montaggio di ogni particolare. La vetratura interna si presentava opacizzata e graffiata, è stata nuovamente lucidata per ripristinarne la perfetta trasparenza.

 

 

Questo modello ha presentato notevoli difficoltà di smontaggio e nuovo assemblaggio; in quanto modello infatti i corrimani e le tubazioni frontali sono passanti e ripiegate all’interno (le tubature sono anche saldate a stagno). In tutti i modelli dei primi anni 50 non si badava ad un eventuale smontaggio degli aggiuntivi, ogni modello era concepito per durare nel tempo senza più essere smontato. Per questo é necessaro tantissimo tempo solo per ripristinare e ricollocare ogni aggiuntivo, con precisione e pazienza per evitare danni.


 

Quando si effettua un restauro completo come in questo caso è necessario applicare nuove decalcomanie. Nella foto seuente si evidenzia una delle decalcomanie applicate sulle fiancate. Abbiamo riprodotto gli stessi caratteri, stile e dimensioni delle decalcomanie originali dell'epoca. Il risultato é di grande effetto, anche nell’aspetto naturale della patina semi lucida nella zona di posizionamento.

 

 

Il modello è stato completamente ripristinato anche nella parte meccanica. Sono stati sostituiti i due carrelli motori e folli di NS produzione pressofusi in zama e bruniti neri. Sono state sostituite anche le viti dei carelli (riprodotte dalle originali) e ripristinate le bruniture di scocca e carter (si veda ad esempio la sezione dei restauri di meccanica per i particolari bruniti). Il motore è stato smontato per la sostituzione di tutte le sfere usurate ed è stato sostituito il bicchierino reggisfere superiore molto danneggiato.
La parte meccanica viene gestita generalmente prima della livrea; il collaudo è molto severo è il modello deve risultare fluido e silenzioso, stabile con un minimo perfetto in ambo i sensi di marcia. Tutta la viteria viene sempre sostituita se presenta inestetismi. Anche le molle di richiamo ganci vengono inserite nuove e con esse eventuali rondelle isolanti in fibra mancanti.

 

 


 

 

Restauro di livrea e meccanica su locomotiva L 221/R - 1959 “serie collezionisti”

In queste immagini si può osservare la locomotiva prima del restauro, danneggiata in più parti, telaio e supporto motore spezzato e sbriciolato, crepe e rigonfiamenti su tutte le parti meccaniche. Nelle foto sucessive si potrà vedere il modello restaurato; ogni pezzo sostituito è in zama, garantito nella durata perché la zama da noi utilizzata è priva di impurità, ogni pezzo di nostra produzione è realizzato con alti standard qualitativi. Prima della consegna al proprietario il modello deve superare sempre un controllo accurato per accertarne il buon funzionamento a tutti i regimi di marcia.

 

 

Qui sotto immagini relative allo stato in cui si trovava il tender, completamente imbarcato e sbriciolato, la deformazione aveva danneggiato anche la scocca del tender. Il telaio è stato sostituito con una nostra replica in zama. La scocca deformata dal telaio degradato è stata raddrizzata mediante delicata procedura di riscaldamento.

 

 

Ecco come si presenta la parte frontale dopo il restauro; con pancone, gruppo cilindri e carrello anteriore nuovi. Come si può notare la tinta del pancone sono omogenee alla tonalità del carrello anteriore come pure alla tonalità delle parti del modello con vernice ancora originale: filamenti delle modanature,
assali, fiancate carrello posteriore etc. Tutte le tonalità di rosso del modello sono omogenee le une alle altre senza stonature.

 

restauri-09

 

restauri-10

 

Ecco altre immagini del modello restaurato; visione parte del tender. Si noti il precisio assemblaggio fra cassa e telaio tender, possibile solamente con l'utilizzo di parti meccaniche molto precise. 

 

 

La zona dei respingenti è stata raddrizzata a caldo (era deformata dal telaio originale degradato). Si noti l’accoppiamento fra il telaio metallico e la carrozzeria del tender senza alcuna fessura. Le misure del telaio sono state riprodotte con molta attenzione per ottenere un risultato estetico pari al ricambio originale.

 

restauri-12

 

Altre immagini del tender. I carrelli molleggiati, come sul telaio originale, hanno lo spazio sufficiente in altezza per ammortizzare su tutta la corsa consentita. Questo è possibile solo con quote originali senza ritiri di materiale. Questo telaio presenta le stesse dimensioni e ingombri della parte originale.

 

restauri-13

 

Visione della parte alta nel collegamento tra loco e tender, il collegamento elettrico sul modello 221 avviene mediante un singolo cavetto poiché il motore è situato in cabina. Il cavetto si inserisce direttamente nel foro tollerato di 2 mm presente sul telaio in zama, esattamente come quello Rivarossi originale.

 

restauri-14

 

Altre immagini della zona del telaio portante. Anche il telaio della macchina, come quello del tender, presenta strette tolleranze di accoppiamento; non solo per le parti meccaniche, vite senza fine e interesse degli assali, ma pure negli attacchi alla scocca in bachelite.  

 

restauri-15

 

restauri-16

 


 

 

Esempio di restauro: mantello AN1 (1947)  

Questa scocca era stata perforata nei finestrini delle porte, ogni buco è stato chiuso con una speciale fibra di vetro, con finestre riportate di stampo e successivamente dipinte nei colori originali. L'interno è stato finemente livellato a filo con la carrozzeria, riverniciata in verde con simulazione della venatura maculata della bachelite in modo da rendere la riparazione del tutto invisibile anche dall’interno. Finestrini e banda gialla sono stati riverniciati a mano come avveniva in origine su questi modelli, senza segni di pennello perché le speciali vernici da noi utilizzate per la bachelite si stendono bene senza lasciare tracce.

 

 


 

 

Esempi di restauro: mantelli  Hiawatha  (nera - 1948 e classica - 1953)

Questi due mantelli sono stati completamente ristrutturati; la scocca nera era crepata in più punti, è stata saldata con una speciale resina nera, poi levigata e lucidata. La riparazione è invisibile perché la resina si è fusa alla bachelite amalgamandosi alla stessa. La scocca argento era invece tutta scrostata pertanto è stata completamente sverniciata e riverniciata con fregi e scritte ripristinati su entrambe le casse, rispettando in maniera meticolosa ogni tonalità di colore, con particolare riguardo alla vernice argento riprodotta con fedeltà assoluta del metallizzato originale.  Ogni colore viene riprodotto con le stesse tonalità del prototipo originale.

 

 

Altri esempi di restauro eseguiti su modelli provenienti dalll'estero possono essere visionati nella sezione americana del sito. Cliccare la bandiera americana e conseguentemente la voce "restoration livery".

Linguaggio Italiano English Language